PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Er mejo nun c'è più

Noi che semo
nati ieri,
nun avemo
nulla da invidià
a sta nova generazione,
poverina!
Co'n saccoccia
lo smartfone
e soto ar braccio
er notebuke,
se so persi er mejo;
la genuità
de Roma matacchiona,
ch'era
ma nun è più.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/06/2013 17:48
    verità assolute don in rima di bella poesia...
  • Rocco Michele LETTINI il 13/06/2013 14:48
    UN'ADOLSCENZA ANACRONISTICA... ADDIO ALLE CARE E NOSTRANE TRADIZIONI... STUPENDO DON...
  • silvia leuzzi il 13/06/2013 13:25
    Quanto sono vere queste tue parole buon Don. Però non è colpa loro se queste generazioni sono così? E penso sia un'ingiustizia pensare che questi ragazzi hanno tutto... non hanno nulla in verità... solo catene per il loro piccolo e tenero collo.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0