accedi   |   crea nuovo account

Re fusi

Le Tue catene
stanche di essere trascinate in una notte corridoio sempre più profonda

vorrebbero

in un dì
a venire

divenire

carene
di luce

immerse a navigare in profumate acque immense di vento

liberate
dai fantasmi
soggiacenti

a cristalli precipitati in pioggia nel castello

carenze della carne e della sempiterna fame

del sempre presente pozzo di luna che non ha mai infinito di ingoiare con la sua pallida luce il venereo transito di tutti i nostri colorati pianeti

dal bianco argenteo Mercurio capace di sciogliere nel liquido delle sue acque i capelli d'oro del sole

al nero dimenticato Plutone signore dell'Ade sposo dei fiori e degli incanti sotterranei ricchi a profusione

Oh inappagato desiderio d'Amore chiedevi solo brezze di carezze per credere all'eternità del materico monte dai marmi d'argilla

di un mare salito in cielo a proporre al sole le sue onde azzurre come nuove stelle

oggi
gli uomini over

over d'età over di sangue over di tutto

dai sogni infranti sulle bianche scogliere di Dover

si vendono in brividi infernali

un rene

12

5
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 15/06/2013 18:56
    Bhe, lascia senza parole perchè forse dice quasi tutto, come osservare una meraviglia, una statua, un dipinto, dove ci trovi un sentimento di drammatico assoluto. Bellissima.
  • Don Pompeo Mongiello il 15/06/2013 18:36
    Han già etto tutto gli altri, non mi rimane dunque oltre che ad associarmi far i miei più vivi complimenti.
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 15/06/2013 10:59
    Particolare lo stile del Capitanucci, fatto di versi liberi in libero adattamento tra il testo prosaico e poetico; facendo sì che la riuscita delle sue opere porti all'interesse dei lettori. Autore dotato di personale originalità.
  • Rocco Michele LETTINI il 15/06/2013 07:12
    TUTTO L'IPER DI UN FORGIATO ECCELSO... TANTA REALTA', TANTA METAFORA... TANTA RETTITUDINE... VINCE'

6 commenti:

  • loretta margherita citarei il 15/06/2013 18:03
    molto originale applausi cap
  • Anonimo il 15/06/2013 14:05
    Ma davvero possiamo ambire sempre a commentarti???
  • - Giama - il 15/06/2013 11:25
    Passo a salutanti mio caro e sincero amico, unico e soprattutto Vero Poeta!
    La poesia e' ovviamente splendida, ma l'ovvio non sia considerato banale, al contrario, sorprendente per la sua coerente bellezza!

    Buon fine settimana!

    Ora scappo lontano da internet e dal resto...

    Giacomo!
  • Anonimo il 15/06/2013 09:43
    magisrale per contenuto per stile per le forti metafore... re-fusi... un riversare uno scambiare un vivere in una bozza di vita... ancora da correggere... bella la conservo se permetti???
  • karen tognini il 15/06/2013 09:35
    Unico e irripetibile.. sei un geniaccio... può il Sommo Artefice Divino Eterno Poeta scrivere una Poesia umana così zeppa di refusi

    trovando in cor logico una sola risposta
  • Solo Commenti il 15/06/2013 08:33
    Ispirato e godibile testo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0