username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nu' guaglione sfurtunato

L'urdema vota l'aggio visto ajere,
in cerca 'e nu parcheggio riservato,
cu' chella vecchia cinquecento giardiniera
cu 'o tesserino 'e grande invalidato.

È na guerra ca se' porta dint 'o core
chistu guaglione ca nisciuno cura,
a' quanno n'incidente sul lavoro
l'ha mise cu' ddoje spalle nfaccia 'o muro!

Teneva na' fatica, teneva na' famiglia,
na' casa in festa e quatte belli figli:
mó campa sulamente 'e cumpassione
e 'a vita soja nun tene cchiù raggione.

Gli amici? Na vota ne' teneva tante,
mó, invece, se' contano cu 'e ddete:
è stato abbandunato a tutti quante
e vvà giranne sulo e senza meta...

È vvote s'annasconne aret a' na' stampella,
cu l'uocchie acalate, comme tenesse scuorno,
e soffre muto, ngopp''a na' carruzzella,
l'indifferenza 'e tanta gente attuorno.

E s'arretira quanno 'o sole trase,
cu ll'anema c'affonna dint' 'a paura
mentre s'asciutta, cu na' mano nfosa,
na lacrema lucente dinte' 'o scuro...

TRADUZIONE
Un ragazzo sfortunato

L'ultima volta l'ho visto ieri:
era in cerca di un parcheggio riservato,
con quella vecchia cinquecento giardiniera
col tesserino di grande invalido sul parabrezza.

È una guerra che si porta dentro il cuore
questo ragazzo che nessuno cura,
da quando un incidente sul lavoro
l'ha messo con le spalle in faccia al muro!

Aveva un lavoro, aveva una famiglia,
una casa in festa e quattro bei figli:
ora campa solamente di compassione
e la sua vita non ha più ragioni.

Gli amici? Una volta ne aveva tanti.
Adesso, invece, si contano sulle dita:
è stato abbandonato da tutti
e va girando solo senza una meta...

A volte si nasconde dietro una stampella,
con gli occhi abbassati come avesse vergogna,
e soffre muto, su una carrozzella,
l'indifferenza di tanta gente attorno.

E torna a casa quando il sole tramonta,
con l'anima che affonda nella paura
mentre s'asciuga, con una mano bagnata,
una lacrima lucente nella sera scura...

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/06/2013 17:24
    Ha proprio ragione Lian 99 a sottolineare la grande abilità necessaria a chi voglia scrivere in versi usando il dialetto napoletano: il più espressivo del mondo, ma certo non facile ad essere maneggiato da un poeta.
  • LIAN99 il 16/06/2013 15:34

3 commenti:

  • Salvatore Masullo il 17/06/2013 12:11
    Vi ringrazio degli attestati di stima che vengono da amanti della poesia le cui opere sono altrettanto belle e arricchiscono l'anima di chi le legge! Grazie ancora!
  • loretta margherita citarei il 16/06/2013 19:18
    bravo salvatore, applausi
  • Anonimo il 16/06/2013 17:18
    L'anima di Napoli, la sua straordinaria sensibilità ancor più acuita dal tema scelto, direttamente traspare dai tuoi versi e m'incanta. Grazie, a nome di tutti i sofferenti cui spesso si sa dare solo uno sguardo irriverente... che scivola via veloce e indifferente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0