accedi   |   crea nuovo account

'O Paravise de' cane

Io credo che ce stà nu' Paraviso
pe tutte chilli cane abbandunate,
che scavano ogni sera
dint''a munnezza,
e girano pe' strade
scunsulate.

Só ccane ca nun sanno na' carezza,
e stanno sempe nzieme dinte 'o scuro
pe nun restà pe'sempe priggiuniere
'e chistu munno ca le fa paura...

È vvote 'e vvide muorte mmieze 'e vvie,
e' vvote fanno 'a guardia fore 'e pporte
e restano attaccate tutto 'o tiempo
co' cuollo stritto a' na catena corta...

Io credo che 'o Signore all'atu munno,
ha riservato a loro 'o Paraviso
pe' sofferenze avute a cierta gente,
pe chiste Inferno 'e fuoco
ngoppe 'a Terra...

Di certo ce sarrà nu'Paraviso,
nu posto addò se trova n'angiulillo
pe st'animale in cerca 'e nu surriso,
e na' carezza pe' l'eternità...

E senza cchiù catene,
a correre po' cielo
a spasso cu o' Signore,
pe' darle tutto 'o bbene dichiarato
che l'omme ngoppe 'a Terra
ha rifiutato!

TRADUZIONE:
Il Paradiso dei cani

Io credo che ci stà un Paradiso
per tutti quei cani abbandonati,
che scavano ogni sera
nei rifiuti
e girano per le strade
sconsolati.

Son cani che non sanno una carezza,
e stanno sempre insieme dentro al buio
per non restar per sempre prigionieri
di questo mondo che li fa paura...

12

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0