PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mi scrivo addosso

Mi scrivo addosso
dosso dopo dosso,
con la vita che mi s'avvita attorno,
torno a quel cancello che cancellò
il sentore dei miei sentieri.
e così via,

avanti nei fasulli vanti fanciulli
che voltarono i miei fogli,
ora su un cammino libero dalle mine degli imbrogli.

 

5
4 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 23/06/2013 13:25
    Sempre sopraffino e profondo nelle tue composizioni, dove il gioco che rispetta un ritmo piacevolissimo si intreccia con vocaboli ricercati, anche se semplici, per dare un senso sentimentale e formale all'opera completa. Sempre un piacere leggerti. Buona Domenica.
  • Anonimo il 17/06/2013 15:53
    Liberarsi da fasulli vanti... Che splendida liberazione, Simone!
  • Anonimo il 17/06/2013 10:17
    Già! A che serve poi scrivere se non a ripercorrere quei sentieri folti di emozioni che hanno dato e danno un senso alla nostra vita. Piaciuta molto.
  • Auro Lezzi il 17/06/2013 08:18
    Come un cartellone pubblicitario... Che tutti leggono...
  • roberto caterina il 17/06/2013 07:14
    Eco più che rima sospinge la parola a trovare un cammino sicuro...
  • Vincenzo Capitanucci il 17/06/2013 06:33
    ... avanti nei fasulli vanti fanciulli... che voltarono i miei fogli... nel libro degli sbrogli..
    è splendida Simo... sai... ma volte mi dico l'ho rovi-nato io quel ragazzo... con tutti i miei giochi (junghiano) di parole... che facevo prima di capire che la poesia non è un circo... ma un circolo spontaneo..
    cmq non so se Ti ho influenzato... o se faceva parte della Tua Scienza..
    non abusarne troppo Simo... son giochi di mente.. ho letto Tue poesie nate dal cuore... che erano meravigliosamente stupende...
    con affetto e stima..
    v

4 commenti:

  • augusto villa il 29/09/2013 16:18
    Opera di noi stessi... Piaciuta!
  • Anonimo il 21/06/2013 13:17
    mi è sempre piaciuto il tuo modo di scrivere, lo trovo originale e piacevole, molto bravo
  • - Giama - il 20/06/2013 00:26
    Una spirale la vita, ciclo dopo ciclo ruota intorno allo stesso asse, il cuore; un moto perpetuo...
    Riuscire ad abbandonare le curve per intraprendere la linearità del proprio sentire non è facile, ma frutto di un'armonia interiore che giunge se si riesce ad attendere con pazienza...

    Splendida SIM!

    Ciao Gia
  • Alessandro il 17/06/2013 18:28
    Quando il corpo è il foglio. Scrivendo su noi stessi decidiamo cosa diventare. Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0