username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Notte d'inferno

I figli d'inferma natura
ingannano innate prigioni
piombando nel baratro informe.

Dal rombo dell'autovettura
al fusto di stanchi lampioni
il grigio ingranaggio non dorme.

Di quiete son l'ultimo scherno
ferrosi stridori, le grida,
scintille nei vicoli inquieti.

Cogliendo del sonno la sfida
udremo i tuoi canti segreti,
o tenera notte d'inferno.

 

5
7 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 20/06/2013 23:30
    Bella Alessandro hai sventagliato su questo povero sito acri versi che a me hanno riportato in quella " stagione all'inferno " del nostro buon Arthur Rimbaud. Bella, intensa e sapientemente costruita.. Applausi giovane amico
  • Don Pompeo Mongiello il 20/06/2013 12:09
    Scusa voleva essere una recensione e ben meritata.
  • Anonimo il 19/06/2013 10:02
    Attese importanti e significative che restano nell'anima e nella mente di chi sa cogliere una "nuova notte", nel temporaneo tempo infernale della vita. Testo introspettivo molto apprezzato.
  • Raffaele Arena il 18/06/2013 21:35
    L'apparente calma di una notte, che in tanti paesi e nel nostro paese stesso è movimentata, oppure c'è guerra, tensioni. Una visione drammaticamente vera e anche profonda
    Dal rombo dell'autovettura
    al fusto di stanchi lampioni
    il grigio ingranaggio non dorme.
    Un qualcosa che non è mai fermo come un dimenarsi continuo in un inferno sempre meno umano
  • Rocco Michele LETTINI il 18/06/2013 11:43
    NOTTURNO ALLE TENEBRE IN TERZINE D'ACUTO FORGIATO...
  • Vincenzo Capitanucci il 18/06/2013 11:24
    l'informe non dorme... ma lascia orme... tre or in esse...
    Passeggiando per una via di qualsiasi città del mondo.. da Bogotà.. a New Delhi... o semplicemente da un pensiero ad un altro... in quella terra di mezzo... dove il sonno sfida canti segreti...
    Notte di inferno... Ti trovo fantastica...

7 commenti:

  • giuliano cimino il 23/06/2013 23:29
    quel tenera notte d'inferno da un tono alla poesia e quel sostantivo lì è proprio perfetto!
  • AlfaCentauri il 21/06/2013 14:45
    ... splendida, quasi surreale...
  • - Giama - il 19/06/2013 20:49
    Un ingranaggio mai inceppato, il ciclo di vita e morte, del giorno e della notte... Forse, in alcuni casi, solo rallentato...
    Bella!
  • Don Pompeo Mongiello il 19/06/2013 12:06
    Terzine semplicemente sublime e non ho altro d'aggiungere.
  • Gianni Spadavecchia il 19/06/2013 06:16
    Una "tenera" notte di inferno che cancella la quiete ed emana grida e ferrosi stridori.
  • essen rosa il 18/06/2013 16:28
    sei molto bravo Alessandro.. devo davvero farti i miei complimenti... quando incontro una poesia.. mi fermo e la ascolto.. Belle le immagini da te create con le quali riesci ad aprire le emozioni e a rendere efficace la descrizione.. Cosi io riesco ad entrare in questa notte d'inferno.. Grazie
    essen
  • Anonimo il 18/06/2013 12:42
    notte d'nferno in vicoli inquieti... grida, stridori di macchine
    potrebbe essere una metafora.. in ogni caso ben scritta come sempre bravissimo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0