PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ungaretti

Mi parli della tua scrivania
quella che sarà intarsiata
di noce, o di castagno
di una finestra
che guarda il mare
del tuo ritratto da bambina
nel tuo antro da poeta
e penso ad Ungaretti
lui scrisse dei cieli
su fogli sporchi
di fango e sangue
in una trincea
con la morte in faccia
mia cara...
l'anima è strana
si sveglia
chiamata dall'amore
solo quando morte e vita
si tengono per mano

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 19/06/2013 08:38
    Quante verità in questi tuoi affascinanti versi.. AZZECCATISSIMA.

4 commenti:

  • ciro giordano il 19/06/2013 20:35
    grazie a voi tutti per le vostre belle parole.. un abbraccio circolare
  • marcella vitelli il 19/06/2013 10:33
    bellissimo tributo ad un grande poeta. apprezzatissima.
  • silvia leuzzi il 19/06/2013 08:55
    UAO CIRO!!!!!!!!!!!!! ma è sublime questa tua poesia... me la stampo così avrò modo di gustarmela meglio... complimenti amico
  • Alessandro il 19/06/2013 00:06
    Davvero un bel tributo, le tematiche rispecchiano l'autore citato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0