username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Costanza

Che importa sapere
chi sei?

La tua danza protegge
il mio giardino
e i fiori
non fermano il vento
né i timori
e le speranze mi attendono
come tazze di tea
che non vogliono mutare il loro stile

E trovo la tua faccia allegra
avvezza ad onorare gli uomini
chiari e grandi.
Nel tuo cuore
è il colore vermiglio
dell'estate
Nei tuoi occhi
la nera pece
per i sogni
che navigano lievi
Nelle tue parole
un sentiero e un borgo
vicino ad una fontana viva
da cercare invano
con la ragione

E il piacere nascosto
non è nel volere questo o quello
ma nel bel desio
di lodare la tua voce
con soave nitido ardore
Prima virtù
che la via del Cielo chiama
costanza.

 

2
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/06/2013 16:07
    Scusa voleva essere recensione e ben meritata!
  • Alessandro Moschini il 21/06/2013 16:45
    Una splendida poesia. L'incipit è poderoso.
  • Alessandro il 19/06/2013 23:39
    I due versi d'apertura, per quanto semplici, hanno già spinto la mia immaginazione a mille. Bella davvero
  • Rocco Michele LETTINI il 19/06/2013 09:53
    Che puro sentimento d'amore?
    Una sequela incantevole.

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 22/06/2013 16:06
    Mi accoro al coro e ti faccio i miei più vivi complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0