username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Io sono la fenice

Per quelle represse,
che tutto subivano
e per nulla godevano,
ero uno scandalo.
Pure il mio più banale sandalo
suscitava il loro sdegno,
chiuse dietro le sbarre di se stesse,
cresceva sorda la rabbia.
Per i capelli m'avrebbero acciuffata,
non è che non ne avessi
alla Gorgona somigliavo.
Avevo dalla mia il ghigno della sfida,
la protervia della gioventù,
seni sodi e sfacciati, liberi da reggiseni,
l'ancheggiare ignorante
perché non era importante.
Avevo la voglia di vivere
che non mi ha mai abbandonato,
nonostante la vita m'abbia provato.
Un bel malocchio hanno confezionato,
un dolore che non ha confini,
per piegare la mia testa,
per uccidere la mia gioia.
Ma io sono la fenice
... risorgo sempre
e mi sento esaltante!

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 22/06/2013 23:23
    l'invidia è la madre di tutti i mali, ed è potente... farli "schiattare"" funziona al momento, ma poi non si sa come qualcosa tra capo e collo ti arriva sempre... O forse sarebbe comunque arrivato, forse c' entra anche il destino, chissà.. in ogni caso l'importante è risorgere sempre, e tu lo fai...

5 commenti:

  • Mara il 21/06/2013 17:36
    Certo, non bisogna mai arrendersi, e a volte è davvero dura!
    Hanno forza questi tuoi versi e ne danno anche a me! Brava!!!
    Votata!
  • Antonio Garganese il 21/06/2013 09:30
    Se uno riemerge sempre non c'è sentenza che tenga, ci saranno sempre nuovi entusiasmi, nuove prospettive e tante cose da iniziare e portare a termine... esaltandosi. Che bella poesia!
  • silvia leuzzi il 21/06/2013 07:52
    Grazie ragazzi, grazie per la vostra attenzione...è dura anche se mettiamo la maschera del guerriero, c'è un animo provato che soffre davvero. ciao
  • Anonimo il 21/06/2013 06:18
    Sei un'amazzone, Silvia. Donna forte che dalla sofferenza ritrova la vita: essa va sempre vissuta e certe ferite, che mai vorremmo, forse la fortificano nell'essenza e nella sua visione d'insieme. Un abbraccio e auguri per sempre!
  • Alessandro il 21/06/2013 00:06
    Solo chi è onesto con se stesso e gli altri rinasce dalle ceneri. Una lezione di vita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0