PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le mano

Stavamo all'osteria der pacioccone
Io, Gigi, un russo co n'americano
parlanno pe spiegasse la questione
de che ce facevamo co le mano

Er russo dice:co queste mani qui
io ce lavoro e quanno è sera
come fosse un rito
stringo la mano a pugno
pe saluta er partito.

L'americano dice:
co queste mani qui anch'io lavoro
io sò moderno io sò proprio un mito
spigno bottoni come fosse un gioco
e quanno è sera nun sò mai sfinito

Allora dice Gigi ch'è romano:
co queste mani qui ce faccio poco
perche er lavoro nun l'ho mai capito
io ch'arzo sto bicchiere e bevo e godo
a cammeriere porta n'antro litro.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0