PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

ABBA….. me stà a sentì!!!!!

Abba,
ca tuttu osservi e tuttu vidi,
na cosa sula ti vogghiu diri:
quannu la me figghia stà a sgarrari
fermu la so manu senza tantu pinzari!

Picchì nun fa lu stessu cu i to figghi!!?

O troppu u disturbu a nterveniri
Pì firmari sta manu adunca
Ca sta a corpiri!

Capisciu, PATRI BONU,
u to chiffari
cu angeli ribelli e cherubini
nu si sapi mai chi pisci pigghiari!

Ma penza nu pocu a stà povera genti!
Libera, vero, di nun fare nenti.

E mentre te lo chiedo…
…Il danno è fatto…..
È stato compiuto l’ennesimo misfatto!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • EKIPS _ il 09/01/2008 00:31
    Bellissima! Adoro le poesie in dialetto, e questa tua è ottima. Piacevoli le rime. Complimenti!
    Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0