username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Catene

Scappano,
non avanzano,
ballano un lento
movimento.

Due acca piangono,
si amano,
si aggrovigliano:
la O odiano.

Tre non di perfezione:
nascere nel Fluido per
bruciare
nella Polver

e restare intrappolati,
nell'Ammasso suo divino
della Linfa bisognosa
del tremendo suo Finito.

Evapora alla luce,
immensa si trasforma,
Rossa poi diventa
al Primo respiro.

Bagliori su di noi
dal canto primordiale
brucian i Colori
attorno a noi.

Queste Catene
ardono
come il
Sole.

 

4
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 22/06/2013 05:48
    CATENE CHE DETURPANO IL CERCHIO TERRENO... MAI PIU' CATENE... MAI PIU' SCHIAVI... MAI PIU' DOLORI... LA MIA LODE GIULA... ACUTO VERSEGGIO
  • Vincenzo Capitanucci il 22/06/2013 05:45
    Acque... molecole... gocce di sangue...

    Molto bella Giulia... catene...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0