PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'asceta

Non creder mai troppo agli uomini
rischi di farti male
nelle lacrime più vere
può lampeggiare l'occhio furbo
nella rabbia più furiosa
ci può essere un cuore puro

Le parole
sono piramidi di sabbia
diventa duro
attento ai tanti piccoli segni
attento agli occhi
alla loro luce
al movimento delle mani
guarda, se sono chiuse o aperte
attento al sorriso
se è largo, o stretto
al muoversi del petto
mentre si ride

Guarda come camminano gli uomini
se sono fieri e decisi
lenti o guardinghi
attenti ad esser guardati
se sembran chieder scusa ad ogni passo
attento al passo stanco
di chi non ce la fa più
quelli sono i tuoi fratelli

Lascia indietro padre e madre
amali se puoi
e conservane il ricordo
prendi una bisaccia e una coperta
quei pochi amici
e l'amore tuo se è con te
cingi al collo la tua croce

la strada è lunga
la polvere ancora tanta

 

4
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/06/2013 23:14
    In un precedente commento, ho sinceramente ammirato la tua saggezza, ma ora, rileggendo, mi è <anche> venuta voglia di... commentare, con un sorriso, così: "ATTENZIONE, però, perché, se troppo intensamente le fissiamo le persone, può andare anche a finire che, o paralizziamo loro, o restiamo paralizzati noi!!!
  • silvia leuzzi il 22/06/2013 22:10
    Un esortazione, una guida, in questa tua la poesia torna ad assurgere al suo ruolo di insegnante di vita per l'umanità. Un'analisi svolta tra un verso e l'altro di quella che è la natura dell'uomo e come trovare un equilibrio per non sprofondare. Bravo Ciro a rileggerci

8 commenti:

  • Alessandro il 23/06/2013 21:37
    La strada è lunga, un viaggio attende. Ma l'ascetismo è davvero ancora possibile? Il mondo ci contamina, volenti o nolenti.
  • roberto caterina il 23/06/2013 07:33
    Bella poesia con una saggia conclusione...
  • ciro giordano il 22/06/2013 23:32
    intanto aggiungo un grazie a Sabrina per la sua gentilezza... a te vera rispondo che gli occhi sono fatti per guardare, io certo non fisso le persone, ma la fisiognomica è una scienza antica... un sorriso anche a te
  • Anonimo il 22/06/2013 23:20
    Bravo. Una poesia frizzante, piena di saggezza, scritta in maniera semplice... Bellissima!!!!!!!!!
  • ciro giordano il 22/06/2013 23:09
    grazie a tutti voi per i vostri commenti affettuosi.. un abbraccio circolare
  • Anonimo il 22/06/2013 18:24
    bella ed intensa... poesia che va oltre... l'amore é il volano della vita bella chiusa... bravo
  • Anonimo il 22/06/2013 17:35
    Intensissima, in tuti i suoi passaggi.
  • Anonimo il 22/06/2013 16:47
    Pura, profonda poesia. Maturo riflettere su i nostri incontri umani... Attento ai piccoli segni... rivelano più le sottigliezze che ciò che è macroscopico, il tutto filtrato dalla nostra sensibilità. La chiusa è forse davvero ascetismo. Bella bella, Ciro!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0