accedi   |   crea nuovo account

Il per isso dattilo dalle arti ridotte

Giusto
una goccia d'inferno
per allungare il caffè latte nel risveglio del giorno

sono
orfano
della luce
con una orfica lamina d'oro
appesa al collo

come se fossi già morto

in un dolore del cuore ieri ho lottato con l'angelo della morte trasformando paralisi di sudore in estasi di sublime amore

fu fiamma
di un fuoco troppo breve per portarmi via la scintilla della vita in un lunghissimo canto dalle membra svanite

dal basso mondo
con gran voce
di ventre
il paradiso mi chiama
per essere ospite dello sposo

sul lago è il mio ricordo

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Presto, datemi la fresca acqua che
proviene dal Lago dei Ricordi". Tavoletta da Petelia

"Io sono come un bambino morto
durante l'allattamento." Tavoletta da Turi


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/06/2013 06:01
    UNA SEQUELA CHE ILLUMINA UN CUORE SPENTO... L'IMMENSO E POI LA VITA... IL MIO ENCOMIO VINCE'

12 commenti:

  • Anonimo il 25/06/2013 13:16
    A volte, confesso, non mi sento proprio capace di offrirti un commento decente, o meglio l'unico, almeno oggi, è questo. Quelli banali, generici troppo offenderebbero la tua singolarità.
  • Anonimo il 25/06/2013 11:50
    spero prenda sono 3 volte che invio comunque anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:50
    spero prenda sono 3 volte che invio comunque anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:50
    spero prenda sono 3 volte che invio comunque anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:49
    anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:49
    anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:49
    anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:49
    anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:49
    anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:49
    anonimo sono io carla...
  • Anonimo il 25/06/2013 11:48
    "Io sono figlio della terrae del Cielo Stellato e la mia razza è celeste. Ma voi lo sapete, presto datemi l'acqua fresca acqua che
    proviene dal Lago dei Ricordi ". forse il Lete!!!
    grande Vincenzo la conserverò con cura...
  • essen rosa il 25/06/2013 08:33
    quando la poesia ne apre altre
    e altre ancora
    fino al...
    dal basso mondo
    con gran voce
    di ventre
    il paradiso mi chiama
    per essere ospite dello sposo

    sul lago è il mio ricordo...

    splendida chiusa
    ottima lettura
    essen

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0