accedi   |   crea nuovo account

L'elettricista dal nome simpatico

Uomo di fantasia e appassionato artista
che per necessità diventò scarno elettricista
nel mondo hai cercato la tua parte
ma è nelle mani che avevi la tua arte
e con la creta e una semplice matita
la forma informe in te prendeva vita.
Un vaso, una piastrella e due listelli
se li trattavi tu, potevi farli belli
e da un pallido rettangolo di foglio
usciva per incanto un bel coniglio
o un cane o un gran casale o un cacciatore
come nei trucchi di un prestigiatore.
Mi sentivo un povero di fronte all'arte vera
di adoperare una misera tastiera
e mi ricordo ancora con la mente tesa
quando ti accompagnavo a far la spesa,
ognuno ti si inchinava con quell'eleganza,
quel calore autentico, non solo deferenza
non a me soltanto ma a tutti eri simpatico,
niente etichetta di burbero polemico
una nomea attaccata con lo sputo,
si è liquefatta dietro quel saluto.
Forse da te io ero il preferito
ma non mi risparmiasti dall'aver sorbito
il tuo rimprovero severo ed accorato
per tutto ciò che non ho mai mangiato
o per quel libro bello e rilegato
che dopo il suo buon uso io ho lasciato
forse per gioco oppure per far scena
esposto alla pioggia sopra l'altalena,
mentre il tuo antico testo in buono stato
dal '24 rimase conservato.
Eri meglio: nei principi, nell'arte e nel mestiere
e mi rimaneva solo da pensare come io ti potessi compiacere.
Poi una sera, dopo un giorno dal dottore
hai salutato tutti in poche ore
con la mia stessa paura di soffrire
che ti portò in un attimo a morire.
Anche per me restò fisso quel timore
che porto uguale ed identico il tuo nome.
Nasceva oggi, è passato quasi un secolo
la tua virtù, non mia, sembra un miracolo
di gioia, arte, serietà ed emozione,
di quello che per alcuni era solo un brontolone.

 

2
2 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 30/06/2013 12:45
    Le persone che appaiono scontrose, che dicono quelle che pensano e agiscono umanamente, sono un patrimonio dell'umanità, altro che le opere d'arte. Questa tua dedica è descrittiva, con un ritmo piacevolissimo dato dalla ricerca della rima, che ti fa in parte vedere questa persona che come ha dato ha sicuramente ricevuto tanto affetto. I miei complimenti per come hai saputo descriverla.
  • Anonimo il 27/06/2013 11:11
    Bellissima dedica con cui esprimi quel dovuto riconoscimento che, quasi mai, deputiamo alle persone, quando stanno con noi, soffermandoci più sui loro difetti.
    Bravissimo Anto!
  • Anonimo il 27/06/2013 08:26
    Prima di morire, spesso, poco si è apprezzati... Perché occorre scomparire perché ci si accorga veramente che esistevamo e di chi eravamo?... Ma non è così per chi ha amato. BELLA.
  • stella luce il 27/06/2013 08:20
    Davvero bella dedica... verso chi tu molto hai amato e da cui di certo sei stato ticambiato... bravissimo e...- 1 e un pò!!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 27/06/2013 07:20
    Una dedica Molto bella Antonio.. non so se c'è un riferimento.. al libro il Montatore elettricista...

    non sempre nella vita si riesce a fare il lavoro che più amiamo..

2 commenti:

  • Anonimo il 27/06/2013 11:13
    Scusa Anto, ma ho dimenticato un non.
    leggasi non deputiamo
  • Anonimo il 27/06/2013 07:34
    bellissima ed intensa dedica... ad un'artista non capito complimenti toccante e sentita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0