accedi   |   crea nuovo account

origami di ferro

che strana la cosa che mi è successa
non pensavo potesse esistere
mi cancelli dalla tua lavagna
ne rimane solo una nuvola bianca di gesso

ti rincorro fino ad abbracciare lui
sento le sue lacrime bagnarmi la spalla
lo metto nelle tue mani per vedervi sorridere
gli dono la mia benedizione sporca

sarebbe curioso avere sorrisi d'ira per voi
potrebbe divertirmi odiarvi senza sguardo
ma quanti giochi sono belli per sempre
vorrei che non foste l'unica cosa che amo

mi trovo qui a guardarvi nei miei domani
il cuore si lacera in un ghigno
deride il cervello che mi tiene in schiavitù
annuisco alla scelta ma scusate se piango

cerco di non pensare alle vostre carni
rifiuto l'unione delle vostre salive
vomito l'idea di non distinguere il vostro sudore
come posso accettarlo senza stringere i pugni

capisco il cuore
deride la mente
cerca di fermare
i suoi origami di ferro

conflitti interni che fanno rumore
rendono insensibili naso e bocca
trema la pelle fino a chidure gli occhi
che altri sensi rimangono

arriva l'ora di alzarsi dal letto
sono ancora stanco ma non posso piu dormire
un raggio invadente mi punge una guancia
sembra il bacio di una pianta carnivora

spalanco le finestre al sole per farmi vedere
rispondo al suo caldo appello
mi ammirate mentre copro le cicatrici
ancora debole sorrido senza convinzione

mi sento un bambino
mi sembra di dover scoprire ancora tutto
mi sembra di non aver vissuto ancora un giorno
mi sembra che la strada sia ancora molto lunga

almeno non ho più paura del buio

 

1
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 12/06/2016 08:04
    apprezzata.. compliemnti.

9 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0