PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non ne faccio parte

Sento schiamazzi felici
in ogni cuore:
non ne ho preso parte
non volevo affatto.
Il piccione che si fidò
delle menti umane,
morì di soppiatto.

Dietro una giornata
qualunque la solitudine
prende colore;
qualcuno ha pensato al grigio
come il mare e l'autunno
quando hanno
qualcosa in comune.

Tra bisogno e mancanza
passa come un treno veloce
la parola amico,
chi beve da solo
non può tornare presto a casa,
incespica nel fango sporco
si rovina la giacca.



Pioggia,
clacson,
cani che abbaiano,
foglie che cadono,
notti strane con figli traviati,
il leggero tocco della vita
che ti sfiora appena,
esci e respiri
polvere e cemento,
tante cose iniziano e finiscono
e ne fai comunque parte.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0