PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mi Chiamo Mare

Veemenza costanza
stupida assenza
bellezza
del giorno tu in me riposi

Vivo la notte con i sogni
celeste divento nero
E i delfini madreperla
cullo

Mi chiamo mare
E vivo di notte e dormo di giorno

Maree di burrasca
venti di tempesta
come il tremare del tuo cuore
davanti al tuo amore

Il mio si chiama vento
a volte mi veglia di giorno

Per ricadere in lussuriose danze
di notte mentre lo spirito a lui si avvolge

Luna sorride del nostro amore
Si specchia felice e fiera sul mio volto
e suo specchio
Tremo giocando giacendo. .

Chi mi teme avrà il mio amore
Dal poeta al nuotatore
Chi mi disprezza
avrà più forte d'ogni dantesca vendetta. .

Mi chiamo mare
Amo il maestrale

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 02/07/2013 07:07
    bellissima questa lirica dedicata al mare... ottima metafora... merviglioso elemento naturale che spesso non rispettiamo... complimenti caro giuliano
  • loretta margherita citarei il 02/07/2013 06:18
    belle metafore piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0