PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Continuando

E jenno jenno,
pe' la via
a me scunusciuta
e strana,
intuppannu
e nun so dove,
carietti,
ma nu buonu guaglionu,
e Ricu
se chiamma,
ma rice va, va;
e i vagu,
e la carretta
de lo mio repertorio
continuo
a purtà.

 

1
0 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 03/07/2013 16:30
    Cadere è normale, rialzarsi è ciò che ci nobilita, pur se, a volta, con l'altrui aiuto!
  • Vincenzo Capitanucci il 03/07/2013 12:40
    essendo la vita una corsa ad ostacoli... gli intoppi sono molti... spece se porti una cariola-carretta... con Te.. cmq bisogna continuare a purtà... con la massima purezza possibile...

    bravo Don...
  • giuliano cimino il 03/07/2013 00:15
    che la carretta non finisca mai di partorire opere come questa!
  • Rocco Michele LETTINI il 02/07/2013 18:51
    SIMPATICA NELLA SUA SOAVE SEQUELA...
  • Anonimo il 02/07/2013 17:09
    e fai bene Don continua...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0