username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Io E Te

L'inadattabilità inadeguata e l'incertezza lo presa da te.
La forza lo spirito e l'ebrezza l'ho presa da lei. .
Però ogni tanto mi chiedo dove sei chissà che farai
e cosa soprattutto pensi ridi vivi e sogni.
E se ogni tanto pensi a me.
Istinto riflesso in me
Vetro di specchio inferiore giovane a te.
Occhi di padre che non conosco.
Centro del mondo.
Ventre di madre mi ha donato al mondo.
Sola sempre vivendo solo me. Il suo re. .
Tu non so che cosa potresti mai potuto essere.
Tu non so cosa avresti mai potuto dare.
Se nemmeno l'amore a chi mi ha fatto hai saputo dare.
Pensieri ingordi m' assiduano nei cieli opachi di una città che mai sentii mia.
Bianchi e tristi come il soffitto della terra su Torino.
Senza cuore senza destino.
Che c'entri te?
È uguale a te!
Mi ricordi Torino.
E ora esci dalla mente come un razzo
di arazzi ottocenteschi
voglio perdermi tra i putti e gli affreschi.
Voglio l'immaginazione padrona dei miei giorni.
E ringrazio dio per non avere avuto padroni.
Ma essere sempre stato padrone di me

 

4
3 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 06/07/2013 13:48
    Un serto di lauro per questa tua sublime!
  • Anonimo il 03/07/2013 15:13
    Grandissima e davvero positiva la tua forza che al dolore sa reagire con la fiducia in se stesso, nella propria autonoma libertà e capacità di affrontare la vita. Che tu possa essere premiato con l'amore che meriti e ti è stato sottratto. Anche se uno come te è già premio a sé stesso.
  • Rocco Michele LETTINI il 03/07/2013 08:08
    RABBIA CENTELLINATA CON COERENZA... SUPERLATIVO PENSIERO...
  • marcello moiso il 03/07/2013 06:43
    Un padre mai avuto, un padrone mancato, un triste risentimento, ma anche un senso di leggerezza. Tutto, in versi serrati.

3 commenti:

  • Anonimo il 04/07/2013 16:03
    Ci sento molta sofferenza e rabbia nei tuoi versi.
    Molto sentita Giuliano.
  • Vincenzo Capitanucci il 03/07/2013 12:27
    ... Voglio l'immaginazione padrona dei miei giorni...
  • stella luce il 03/07/2013 05:56
    Una profonda rabbia.. Ma verso chi??? Chi amiamo e che forse avremmo voluto con noi e per noi in modo diverso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0