PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In gloria

In gloria
pensose nubi serene
ininterrottamente percorreranno
del mio cuor avidi spazi,
riposi in viali lunghissimi.
Castissimi sguardi innamorati
nuoteranno eterni sul creato
con pietosa memoria.
Sorriso e pianto
vagheranno in pena
senza gloria
ad inseguir letizia.
Spettatore
di bisogni immensi,
testimone impotente
ascolterò sperduto
i tonfi della mia pietà
per la sconfinata ingiustizia,
cagione della mia miseria.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 14/02/2010 00:24
    Parole malinconiche scritte magistralmente.
    Le faccio i complimenti.
  • EKIPS _ il 25/09/2007 00:51
    Salve Signor Ugo, ho notato come questa poesia sia passata quantomeno "inosservata". È un peccato, secondo me è stupenda e merita molto, come altre sue opere del resto (molte ancora non le ho lette). Apprezzo tanto il suo stile e i suoi pensieri. In questo caso per esempio:
    "testimone impotente
    ascolterò sperduto
    i tonfi della mia pietà", sono versi formidabili! Molto vicini alla mia indole malinconica.
    La saluto.
  • Anonimo il 27/08/2007 10:22
    Nostalgica e malinconica, quasi un rimpianto l'amore. Mi è piaciuta tanto. Bravo Ugo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0