PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cluster

Scomponi l'acqua
e regola gli orgasmi
defrazionando amore
a dilagare.

Mi sento vivo,
cazzo, non lo vedi?
O gli occhi dentro agli occhi
sono ciechi?

Sei eco
ribattuta sulla pelle
puntale
che incide le mie vene.

Nell'agonia
a rilascio lento di un amplesso
dolce il mio sangue bianco
ti attraversa.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • agave il 03/07/2013 22:15
    UN dolce sonora di parole piaciuta!

4 commenti:

  • stefano il 04/07/2013 12:29
    grande ale ma sei ovunqe un salutone
  • Anonimo il 04/07/2013 12:25
    orginale e bella. bravo
  • Alessandro il 03/07/2013 23:20
    Vivida, sperimentale, ardita nel linguaggio. Piaciuta
  • vincent corbo il 03/07/2013 18:35
    Ma che bella questa poesia, Alessandro! Poi ho letto la tua scheda e... non poteva essere altrimenti: sei un poeta vero.