accedi   |   crea nuovo account

Nello splendido fuoco

Avvampo sempre
sotto gli attacchi tuoi
come tizzone muffo
ritrovo vita
ritrovo il fuoco
lacrime e risate
son crepiti
sono vita
anche nel dolore
che vera morte
è star nell'angolo
nell'umido e nel grigio
perciò
meglio la bella morte
nello splendido fuoco
come ritrovar tuo padre

che tanto non si muore mai

 

2
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesca Pellizzi il 04/07/2013 14:25
    Una lirica che lascia spazio a varie interpretazioni. Presenta una chiusa splendida e lascia intravedere uno spiraglio di luce
  • Rocco Michele LETTINI il 04/07/2013 01:37
    MIRABILE NE LA SINCERA PROFONDA SEQUELA... ENCOMIABILE CIRO... IN TANTI SI RITROVERANNO NEI TUOI PUR VER VERSI...
  • silvia leuzzi il 03/07/2013 22:33
    Inquietante Ciro la chiusa... mi lascia perplessa, ci penserò per interpretarla al meglio. Per il resto è stupenda questa raffigurazione allegorica della vita e della morte del pensiero; il rosso e il grigio; la vitalità e la pigrizia mentale. Sì mi ci riconosco nel tizzone, mi piace il fuoco piuttosto che il grigio umido della muffa celebrale. Grande Ciro complimenti
  • Anonimo il 03/07/2013 21:33
    È surreale, ma ti confesso che mi ritrovo molto in quanto espresso in questa tua lirica. COmplimenti.

2 commenti:

  • ciro giordano il 05/07/2013 20:25
    pigrizia mentale si, come dici tu, silvia, è necessario a volte afferrare qualcosa, lasciaarsi andare e vedere dopo dove ti ha portato... grazie per la vostra presenza
  • Alessandro il 03/07/2013 23:31
    Il fuoco come una vita determinata, non può altro che espandersi. Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0