accedi   |   crea nuovo account

Din don dan

Er tocco
se senne
fino a la campagna,
quanno er burino,
ma gran signore,
se 'sciuga
la fronne
e a festa
se veste,
pe' annà
a la messa
a ringraziar
er Bon Signore,
de li frutti
avuti.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 06/07/2013 22:53
    Notevole la tua capacità di creare immagini e poesia da spaccati di vita...
  • Anonimo il 04/07/2013 17:42
    il tocco della campana é sempre un bel suono ci richiama nella casa del Signore...
  • Anonimo il 04/07/2013 14:40
    Un canto all'evocazione di una cerimonia sacra ai credenti. Complimenti.

1 commenti:

  • Anna G. Mormina il 06/07/2013 19:52
    ... "er burino"... il contadino, un mestiere duro, faticoso...
    ... sa, che per il suo lavoro, il Buon Signore deve ringraziare...
    ... quale miglior modo il vestirsi a festa, andando alla messa...
    bellissima DON, complimenti>!... mi ricorda molto i racconti di mio nonno...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0