accedi   |   crea nuovo account

Finché ci sarà vita il cuore di Sara sarà Anarchico

Non ho mai visto un buon padre di famiglia uccidere il proprio figlio


secondo le leggende popolari lo stato un fanatico religioso e Dio

- il viso di Sara ha il fascino di un diamante giunto a destinazione -

se Ti avventuri con un passo incondizionato fino in fondo alla Tua coscienza non potrai che essere anarchico

- se scavi nei suoi occhi puoi vedere una miniera di germinante carbone -

stato e chiesa sono in Te
così vuole il bene luminoso del Tuo cuore

quelli esterni sono troppo imperfetti sono solo una ferita che si prolunga oscurando d'ombre la luce del sole

- in cui sfogliando le pagine annerite delle sue labbra da dolori di mani che non videro mai baci di luce sentirai come un pazzo motivo di fondo il fischio sognante di una locomotiva a vapore lanciata su un binario d'oro verso un destino di infinito amore -

per l'Altro sono un libro aperto anche se con tragiche pagine di rimandi e corrispondenze

chiunque paghi un euro per accendere un televisore fa parte di quel giudice che condannò alla sedia elettrica Sacco e Vanzetti

e adesso per concludere
vi chiedo

può essere considerato un essere umano chi inventò la ghigliottina e la sedia elettrica

e buon padre di famiglia lo stato che usò la morte come braccio di giustizia


Dio cambiò il nome di Sara in Sarai trasformandolo in un futuro più personale

il Tuo

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Ricordati Dante, della felicità dei giochi non usarla tutta per te, ma conservane solo una parte... aiuta i deboli che gridano per avere un aiuto, aiuta i perseguitati e le vittime...


3
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 05/07/2013 15:41
    NON POTEA ESSERE CHE UNA TUA ECCELSA POESIA... IL TUO STILE È UNICO...
  • Anonimo il 05/07/2013 07:59
    "Stato e Chiesa sono in Te!... Magnifiche parole, Vincenzo. E, se così sempre fosse, quanto diverso sarebbe <tutto>!
  • Anonimo il 05/07/2013 07:57
    Una lirica toccante, non solo per i versi ricercati ma anche e soprattutto per il tema trattato. Complimenti.

3 commenti:

  • Alessandro il 05/07/2013 23:17
    Anarchia e libertà in una personalissima fede. Affascinante.
  • Anonimo il 05/07/2013 14:56
    preparato padrone della lingua.. . lirica profonda e bella per contenuto e stile... una chiusa meravigliosa...
  • Anonimo il 05/07/2013 11:14
    Bravissimo Vincè! Grazie per questa tua così toccante, vera e profonda.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0