PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

vento di maestrale

Vento di Maestrale a pulire deciso,

l'azzurro orizzonte di un mare in tempesta.


Gelido messaggero di terre lontane,

ancora odo nei tuoi impetuosi isterismi invernali,

l'eco lontana di epiche gesta,

ancora mi arrivano,

dissolte nell'etereo limbo del nulla

le mistiche voci dei popoli del Nord.



Vento di Maestrale,

foriero di immani tempeste,

strappi bestemmie e preghiere a callosi marinai che

a te supplicano clemenza nel nome di un millenario rispetto.


Vento di Maestrale,

ad impolverare il cammino di chi verrà dopo,

di chi ancora cavalcherà spavaldo il bianco destriero della vita,

lungo le impervie pianure di un'esistenza terrena troppo breve

per sentirsi Dio.


Vento di Maestrale, solo tu rimarrai alla fine,

a soffiare impetuoso sugli inverni del Mondo,

anche quando l'uomo,

nel nome di un suo falso progresso si sarà estinto.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Franca Maria Bagnoli il 06/03/2006 00:09
    Una poesia forte. Bello il ritmo. La chiusa, carastrofica, delinea uno scenario possibile, se continuiamo a fare le guerre, ad inquinare, ad adottare un sistema economico che crea tragiche sperequazioni tra Nord e Sud del mondo. Ciao. Franca Maria Bagnoli.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0