username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Senza parole

Sapessi scrivere il mio nome
su una barca di carta,
e indirizzarla verso correnti
libere dai pregiudizi dell'età,
dove nessuno sa ancora chi sono
e una bambina potrebbe
meravigliarsi di nuovo
pronunciando sillabe
appese ad un foglio tenero
che si fa sempre più sottile,
sarei un uomo diverso.
Trasparenza che non lascerebbe filtrare
più neanche il pensiero, forse.
Avrei il cuore liscio
come la pagina azzurra
di un album di fotografie,
e sorriderei sempre.

Fossi in grado di scrivere
una poesia senza parole,
un sogno invisibile capace
di reggere agli spasmi del tempo,
e farsi amore di fronte all'oblio
e alla cenere che mi vide nascere,
correrei incontro alla gioia
senza descrivere grandi cerchi
come faccio adesso.
Di polvere e grazia
non sono mai sgombre le nuvole,
ho provato a rintracciare un significato
ma sono stato respinto,
soffiato giù insieme all'aria più pesante.
C'era un albero di ciliegio, bruno e giallo,
ma non era nei pressi,
io che darei la vita per un ramo fiorito.

Potessi dire d'aver scoperto il modo
per far indietreggiare gli anni,
raccogliendo vasche a forma di cuore
e versando i minuti e le ore
in dolci acquitrini a due passi dal mare,
andrei in giro nudo, senza aver paura
delle chiacchiere della gente.
Sarei più caldo di quel che mi ricordo,
e avrei centinaia di fratelli
che mi amerebbero alla follia
per un miracolo deviato
che non saprei come ripetere.
L'olio e il sale sono sul mio tavolo,
a ricordarmi di spegnere la luce

12

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • AlfaCentauri il 26/07/2013 08:14
    ... è un peccato mi siano sfuggite le sue poesie così com'è assurdo se ne seguano, a chilate, di "brutte e cattive"!
    nn so perché ma i suoi testi mi mettono serenità, nonostante alcuni temi siano, carichi di quella che io chiamo saggia tristezza. Ogni strofa, ogni verso ha quelle profonde cicatrici che la vita costringe ad avere; ma sono rughe che equivalgono a percorsi... ora rivisti, da quella seggiola impagliata.

1 commenti:

  • augusta il 14/08/2013 09:07
    mi associo al commento di.. al nair... meriterebbe senz'altro di più come commenti e letture... 1 beso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0