accedi   |   crea nuovo account

Qualcosa sà da fa

Chisto dolore che m' aggancia, dentro e fora
mentre a' calura arroventata asseta e sfora
nonostante u' leggero venticiello, come presagio

di bufera. Pare insomma di stare innu' deserto
che toglie o' respiro, e comme o' fiume addiviene
fiumicello, che l'acqua nell'arsura si consuma

acccussì solo, se prosciugano li mi' sentimenti.
Vuoi per malattia, per solitudine e arroganza
'nsomma i' soliti motivi, su cui u' nervoso danza.

Che poi, mentre fermo appisolato, stordito e curvo,
senti u' campaniello du sentimento, allora di nuovo
t' appare infonno infonno al tunnel,'a meta, o' scopo

de stà vita: stà tra la gente coi tuoi pregi e difetti,
co' o' carburante chiamato amore senza piombo,
che u' motore del core te riprenne, che è nà meraviglia!

Ma nonostante chisto, sotto u' sole 'e città, vedi l'aria
che prenne foco, e tra poco te con lei. Senti odore di guerra
che è troppo vicina, e troppo feroce.

Insomma qualcosa sa d'à fa, anche scrive stè du righe
per poi moversi e ridare u' senso o munno che non sia
solo mitragliatrici, estremismi e disgrazie a comando.

 

5
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Alessandro il 07/07/2013 20:40
    L'importante, come dici tu, è combattere l'inerzia. Piaciuta
  • Anna Raccardi il 07/07/2013 15:26
    raff che succede al tuo linguaggio toscano oh in realtà sei napoletano? cmq e molto carina la poesia complimenti
    sai in fondo e divertente leggerti in napoletano bravo
  • Rocco Michele LETTINI il 07/07/2013 10:18
    STILE DIVERSO... VERNACOLESE PIACEVOLE... EMOZIONI DI VERITA' IMMUTATYE...
  • loretta margherita citarei il 07/07/2013 03:56
    un toscano come te che scrive in vernacolo napoletano, molto originale raf

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0