PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giovani e Immortali

Ero al volante
Mentre tu aggiustavi la stazione giusta
Vedevo il cielo dal parabrezza sporco
Ti piaceva guardare le insegne luminose
E ti muovevi scoordinata ed eccitante
E mi piacevi
E ti piacevo preso a far finta di sapere dove andavamo
Mentre la strada correva, lì solo per noi
Mentre la musica passava regina nei nostri cuori
Mentre toccavo la tua pelle liscia
Mentre sognavamo sul nostro futuro
Mentre ci amavamo senza rendercene conto
Senza problemi, senza limiti, senza morali

Mi eccitava da pazzi
Vederti salire con quell'aria da bambina persa nella notte
E io mi credevo il capitano lì, in quella piccola grande quattroruote.

Tremavi a volte
Avevo paura a volte
Abbiamo pianto mille volte i nostri desideri,
sempre insieme
E ora. . . . e adesso?
Tu sai che abbiamo in noi ancora tutte le possibilità
di esser felici
di esser eterni
sempre e di nuovo
giovani e immortali.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/07/2013 07:12
    UNA CHIUSA ENCOMIABILE CHE ELOGIA QUANTO COSTRUTTO DILIGENTEMENTE...

1 commenti:

  • stella luce il 09/07/2013 08:29
    Un grande amore... giovane ed immortale... bei versi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0