PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sfogo

La storia che il mondo non ha fine,
è vera, io ci credo.
Ma come tutte le cose,

nel'arco di miliardi di anni
si trasformano di continuo
e ci abitiamo ora

in un momento di collasso
che pare un generale trapasso.
E quindi non rimane

che mantenersi calmi
evitare ogni eccesso
se non quello di parlare

col cuore, di pensare
e resistere a questa
disumanizzazione

dell'era ipertecnologica
dove la memoria per troppi
va a farsi friggere.

Dove per alcuni la condizione
ti porta fuori ragione
dove il sole, come una volta, ora

non lo puoi più guardare
quanto infuocato che
sembra pronto a scoppiare.

E la solitudine diffusa
il senso di stanchezza
il ripetersi di un bla-bla

che appare vuoto
insulso, considerate le cose
così come vanno...

Sai una cosa,
meglio se metto fine
a questo mio scrivere


ti saluto con la mano
da lontano, come da un altro mondo
e spero che non tutto il male che ho fatto

possa avere effetto.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/07/2013 15:23
    UNO SFOGO PERSONALE NEL SUO SINCERO IN ACUTI VERSI MIRABILMENTE COSTRUTTI...

1 commenti:

  • Alessandro il 12/07/2013 23:42
    Tutto è un divenire, purtroppo le nostre esistenze, in prospettiva, non contano nulla. Versi che si avvicinano molto alla filosofia orientale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0