accedi   |   crea nuovo account

Un universo senza bocca nel mare dei sogni

- dicono che esista un paradiso oltre l'orizzonte dei sensi oltre l'orizzonte degli occhi oltre l'orizzonte delle mani oltre l'orizzonte della bocca che non faccia rimpiangere in nessun modo l'accarezzante clima tropicale dei nostri corpi inebriati da acquazzoni improvvisi da maree di sole da barriere coralline che custodiscono nel loro continuo rubare all'oceano oasi d'acque dai smeraldi turchesi in cui amiamo bagnare le nostre membra senza temere di morire affogati per troppa bellezza -

Sì Amore
in quel sottochiaro di ventre
abbagliante abbracciante galleggiante eternamente villeggiante

ripartiremo

da dove va a morire nella stiva del tempo il canto delle balene azzurre

in un'ambra grigia
creatasi fra di noi in comunione d'anima

a riempire di nuovi profumi l'immenso barile dell'eternamente vuoto

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/07/2013 09:17
    L'ETERNO... UNA CHIUSA ENCOMIABILE... E LO TUO SEMPRE FANTASTICO CREATIVO... IN UN VERSEGGIO SUBLIME...
  • Anonimo il 13/07/2013 08:21
    Nulla più dell'eternità esige un degno contenuto!

1 commenti:

  • Eugenia Toschi il 13/07/2013 09:44
    Bellissima. Il paradiso è..."""riempire di nuovi profumi l'immenso barile dell'eternamente vuoto."""Bravo complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0