PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Scala dei Turchi

Ricordo con mio padre
A contemplar stelle
Io bambino filosofo
Bambino astronomo

Erano altri tempi
Quando si poteva viaggiare
Nello spazio
E un senso di libertà
Non era ancora abbandono

Ora non sappiamo più
Di esistere
Né ricordiamo il giorno
Del nostro mutamento.

 

4
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/07/2013 10:08
    Adesso sei cresciuto, ma non mi pare che tu sia cambiato. La voglia di osservare, di comprendere e di stupirti, sono rimaste eccome!
  • Anonimo il 14/07/2013 13:00
    L'attuale epoca è senz'altro, per vari aspetti, un periodo di recessione. Speriamo se ne prenda finalmente e seriamente coscienza e si cominci a reagire in modo incisivo. Che lo si faccia almeno individualmente, senz'attendere all'infinito la reazione di massa che sembra lenta assai e ben poco incisiva, almeno per ora.
  • ciro giordano il 14/07/2013 10:13
    fortunato ad avere avuto un padre così... hai detto una piccola grande verità... piaciuta

4 commenti:

  • Anonimo il 14/07/2013 18:11
    Bella l'immagine della prima strofa...

    Comunque è vero ciò che hai espresso:
    "Ora non sappiamo più
    Di esistere
    Né ricordiamo il giorno
    Del nostro mutamento"
  • Francesca La Torre il 14/07/2013 14:08
    Tremendamente vero cio' che esprimi con tocco poetico. Piaciuta.
  • vincent corbo il 14/07/2013 09:48
    Scala dei Turchi è una località di mare in Sicilia... da visitare.
  • Anonimo il 14/07/2013 09:42
    non so dei turchi ma concetti profondi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0