accedi   |   crea nuovo account

Trascrivere l'infinito

Il cuore dell'universo è poesia
e non vi è dubbio alcuno che lo sia

già lo dice la parola stessa
un lungo interminabile verso

percepito dal nostro essere

come un unico genio interiore

in Te ride l'oro del re non dimenticarlo mai

quando allunga le Sue divine gambe nella nostra anima piedi di stelle si posano sul nostro grembo infiammando un cuscino umano di pensieri albergante i più soffici sogni di piuma

dove ogni stella
è
parola pulsante pronta ad illuminare una notte gravata dalla mancanza di note solari

dove ogni parola creativa è un uomo danzante su un mare infinito di accordi

immagina
quanta luce
depositi
in onde vibranti

nel mio corpo

Tu
nello
trascrivere il cielo delle Tue emozioni

in pagine che siano stati baci di tramonti albe profumate a festa colte fra sussurri confusi e slavine di dolori mentre sacri boschetti in fughe boccheggianti tagliavano con un rasoio un viso che non voleva più saperne di sorridere udendo il latrare di cani divorarsi a vicenda in notti impazzite di luna piena

comete di un altro mondo afflitte come Te da un mal d'aurora

l'arrivo di un genio segna sempre a grandi passi l'avvenire dell'umanità


rimette in moto belle figure permette di percepire il quotidiano vivere delle nostre superficiali abitudini ridendo delle nostre schiavitù

le irride
riempiendo le iridi d'ascolto di perle

nel vasto magazzino dei miei ricordi accademie funambole fra i fiori del male ed i bellissimi versi scritti per una Dama vestita di bianco

tutto iniziò con l'innocenza di un riso bambino che sapeva camminare fra due strapiombi su un filo di luce

il Tuo luminoso sorriso intagliato in pasta d'aceto risplende in me diffondendo a profusione l'oro di profumi eterni

 

4
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/07/2013 13:06
    Vincenzo, visto che Tu, in quanto a genialità, ne possiedi parecchia, vedi che puoi fare per questa nostra umanità... O credi di cavartela solo con qualche poesia e qualche aforisma???! Grazie sempre, Vincenzo del tanto che ci offri.
  • Rocco Michele LETTINI il 14/07/2013 09:41
    IL MAESTRO NON SI SUPERA... SI ELOGIA INFINITAMENTE... IL MIO ENCOMIO VINCÈ

3 commenti:

  • Ada Piras il 25/09/2015 09:46
    Sono talmente tanti i passaggi di riflessione che mi perdo o non ne sono capace mentre in quelle tue piò brevi il verso
    per me si espande... comunque è sempre una meraviglia leggerti... buona giornata
  • Anonimo il 14/07/2013 18:15
    Quanti spunti di riflessione in questa stupenda Poesia Vincè!
    Hai un'anima bella e profonda... come pochi.
  • karen tognini il 14/07/2013 09:00
    Stupenda Vince... l'arrivo di un genio segna sempre a grandi passi l'avvenire dell'umanità

    rimette in moto belle figure permette di percepire il quotidiano vivere delle nostre superficiali abitudini ridendo delle nostre schiavitù

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0