username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Brividi presi in prestito

Mi ostino a vivere
una vita non mia,
quasi forse..
in preda ad un sogno.

Le gocce che cadono leggere
sul corpo che non sono io,
mi danno brividi
presi in prestito.

Chi osserva,
questo cielo terso
di sera d'estate?

 

3
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/07/2013 03:12
    FANTASTICA NEL SUO STILE... MLANCONICA NELLA PUREZA DEL SUO SENTIMENTO... IL MIO ELOGIO...
  • Anonimo il 14/07/2013 23:02
    Le vite non nostre che ci ostiniamo a vivere sono quelle di cui abbiamo avuto, ed ancora abbiamo immenso bisogno.
    Bella.
  • ciro giordano il 14/07/2013 20:26
    interessantissima a livello psicologico, lo sdoppiamento probabilmente è già coscienza formata, ed anche bella come poesia, con quel velo d'amarezza e rimpianto finale... complimenti

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 30/07/2013 06:22
    Un'immagine di un cielo terso in una sera d'estate e tu che non ti senti te stesso e imprigionato in un sogno.
    Piaciuta!
  • Francesca Pellizzi il 14/07/2013 20:42
    Ibidem Ciro i miei Elogi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0