accedi   |   crea nuovo account

La Venere di Novecento

Il candore biondo del Suo viso
intravisto in un oblò di luce

e
tutta la mia musica ed il mio mare

per farla tornare

nelle acque
sorridenti

in cui nacque

 

6
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/07/2013 19:24
    UN'OPERA DARTE DA CUSTODIRE NELL'AUREO SCRIGNO DEL DECANTO PIU'...
  • Anonimo il 15/07/2013 14:28
    Eran novecento eran giovani e forti e sono morti per la Venere che non venera, ma che nacque dalle acque del secolo degli annacqui.
    Vincè unico e invidiato da tanti cocorinick che fanno plic e che non amano il bello e l'apprezzato, ma preferiscono il soppressato.
    Bellissima Vincé!

5 commenti:

  • Anonimo il 15/07/2013 15:07
    Ps: Vincè... l'hai visto anche tu il film... il pianista "Novecento"...
    é bellissimo, l'ho visto quattro volte.
    Bella dedica.
  • stella luce il 15/07/2013 11:51
    Il ritorno di Venere in un mare di un Novecento incapace forse... di renderle giustizia...
  • Eugenia Toschi il 15/07/2013 09:13
    Versi che fanno sognare il cuore e l'anima. Grazie caro amico poeta.
  • Anonimo il 15/07/2013 07:34
    Immagini molto belle, scritte alla Vincè come piace a me!
  • Antonio Garganese il 15/07/2013 06:46
    Un'immagine suggestiva per una poesia di grande impatto. Buona giornata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0