PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lei... Rimase in silenzio

Lei
ancora con le labbra arse di salsedine

Con lo sguardo bagnato
delineato di nero

Lei
persa nella sua anima sgualcita

Rimase in silenzio
dove il mare racconta le sue onde

Accarezzata dal vento

 

10
9 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • write il 04/08/2013 10:20
    Molto romantica, ma anche molto sensuale... si sente la presenza di qualcosa di forte...
  • Rocco Michele LETTINI il 15/07/2013 19:47
    LA TENEREZZA E L'AMMALIO DEL GIORNO OGNI TUO POSTATO POETICO... LA MIA LODE KAREN
  • Anonimo il 15/07/2013 14:24
    Meglio rimanere in silenzio di fronte al mare delle emozioni. Bellissima Karen!
  • roberto caterina il 15/07/2013 11:20
    Rimanere in silenzio di fronte al mare con l'anima sgualcita sembra una stampa della Melanconia...

9 commenti:

  • Alessandro il 16/07/2013 17:54
    Bella similitudine abbandono-naufragio, metafora che ben si sposa a questa stagione.
  • denny red. il 16/07/2013 04:16
    Splendidi versi!
    Con lo sguardo bagnato
    delineato di nero.
    Favolosa Karem!!! Sempre Bravissima!

  • Anonimo il 15/07/2013 15:10
    Bella, bella e bella!
    "Rimase in silenzio
    dove il mare racconta le sue onde
    Accarezzata dal vento..."
    Brava come sempre!
  • anna rita pincopallo il 15/07/2013 12:54
    splendida poesia molto intensa bravissima
  • Anonimo il 15/07/2013 12:09
    sempre intense e sentite bella...
  • Francesca La Torre il 15/07/2013 11:19
    molto bella, complimenti, non aggiungo altro.
  • stella luce il 15/07/2013 10:53
    Versi molto belli... il silenzio di un 'anima sgualcita...
  • Vincenzo Capitanucci il 15/07/2013 09:51
    dei suoi occhi colava... ne ho perso gli occhi... a leggerla.. lol..
  • Vincenzo Capitanucci il 15/07/2013 09:50
    Le sue labbra bruciavano ancora di amarezza... il rimmel dei suoi colava... rendendo le lacrime ancor più scure di quel che erano... macchiando i contorni della Sua Anima... sgualcita da una ferita...
    e Lei non poteva che rifugiarsi nel silenzio... lasciando alle onde il compito di raccontare la sua storia... accarezzandola di vento... e da un attimo di conforto...
    un bisturi questa poesia Karen... entra nelle carni... come se fossero di burro..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0