PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quant si bell

Voglio raccontare della nostra storia d'amore
di quanto mi sai amare
e di quei nostri giorni al mare
su quella spiaggia io con te vorrei tornare
Si, ma senza chillu bagnin
ti ricordi facett ò scem e ce spaccai aret e rin nu lettin

Voglio raccontare di quello che ti piace fare
ascolti la musica e ami danzare
così una sera ce ne andiamo io & te a ballare

ma tu lo sai come ballerino son negato
preferirei esser sparato
la musica, la pista, le luci
e attorno a te un branco di lupi
brutt, grigi, sciancati e tutti cupi
sembri la loro preda
così mi butto senza fretta
grido forte fate largo!
e mi piombo facendo spazio
forse non sanno che sei roba mia
e che fanno meglio ad andar via
e piglio a uno a uno
primm e vatt e po e mann a fangulo

la disco non mi va c'è troppa gente
e poi e stancante
così andiamo al ristorante
ed anche lì il cameriere ti ha mollato frasi d'amore neanche fosse Dante
ed io senza calma gli ho sbattuto un piatto in faccia
No , amore basta, non gli ho fatto niente
gli ho rotto solo qualche dente
tu meriti il mio amore vero
e per te non è nulla questo occhio nero

Andiamo via anche di quà
in certi posti nun se pop stà
cos' andiamo a via Caracciolo
e tutti per ammirarti non fanno in tempo a frenare
che nella macchina davanti vanno ad urtare
Maronn che burdell
tutta colpa tua ca si tropp bell
e chilli marrucchin che vendono quelli inutili cose
nun se mai visto che senza chider denaro ti regalano le rose
nun cia faccio chiù cu te che stanchezza
mò pur o vigile te ferma per eccesso di bellezza!

ignara di ciò , non ti rendi conto di quanto tu sei bella
ti ricordi quel cuoco al ristorante cinese
ti guardava troppo ed io senza pretese o scassai in gap na padella
Amore aspetta ti ricordi quannn stiv ingopp a bicicletta?
quel meccanico che per fermarti s'inventò un guasto al freno
ij na raffica e cazzott ce rett comm premio

per te Amore mio questo ed altro
di questa vita tu... sei il mio traguardo, ogni vota m'ncanto si te guard,
e ogni vot che te guard,
penz, quant si bell.

 

l'autore Nico Posillipo ha riportato queste note sull'opera

L'amore è comicità , l'amore è ironia.


2
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • SalvatoreCierro il 17/07/2013 12:18
    bellissima davvero, mi ha strappato pure un po' di risate ahahhahah, se sei veramente così sei troppo geloso! bella davvero, veloce simpatica e divertente complimenti
  • ciro giordano il 16/07/2013 21:36
    davvero esilarante, mi hai fatto più di un sorriso... bravo, sei davvero molto ironico, e scrivi bene
  • Anonimo il 16/07/2013 09:43
    <Posillipo>! Un cognome che mi trasporta di colpo in magici ricordi dell'indimenticabile Napoli. Col suo dialetto a far da cornice straordinaria a qualsiasi pensiero, burlone o romantico che esser voglia. Benvenuto tra noi! Questa tua di oggi già ci ha rallegrato davvero tanto. con tutti gli esilaranti quadretti di vita che ci ha offerto.
  • Rocco Michele LETTINI il 16/07/2013 09:13
    TUTTA IN VERNACOLESE SAREBBE APPARSA UNA NUOVA PERLA PARTENOPEA... ENCOMIABILE NICO...

4 commenti:

  • lele chiaia il 18/07/2013 00:00
    mi fai ricordare i tempi della mia gioventù..
  • Nico Posillipo il 17/07/2013 23:58
    le lettere d'amore,
    le lettere d'amore
    fanno solo ridere:
    le lettere d'amore
    non sarebbero d'amore
    se non facessero ridere;
    anch'io scrivevo un tempo
    lettere d'amore,
    anch'io facevo ridere
    le lettere d'amore
    quando c'è l'amore,
    per forza fanno ridere.

    e scrivere d'amore,
    e scrivere d'amore,
    anche se si fa ridere;
    anche quando la guardi,
    anche mentre la perdi
    quello che conta è scrivere;
    e non aver paura,
    non aver mai paura
    di essere ridicoli:
    solo chi non ha scritto mai
    lettere d'amore
    fa veramente ridere.

    Fernando Pessoa - ( lettere d'amore - Roberto Vecchioni )
    consiglio l'ascolto e grazie per i commenti
  • Nico Posillipo il 16/07/2013 23:43
    Grazie ragazzi mi lusingate
  • lele chiaia il 16/07/2013 22:39
    encmiabile davvero. hai recitato il sonetto alla tua morosa?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0