accedi   |   crea nuovo account

vento

Dove sei, scuro cielo di chiare stelle?
Dove sei, lieve brezza di aromatiche essenze?
Tranquilla è la notte!
Leggiero è il passo,
che lento accompagna la mia agonia,
la mia assurda frenesia.
Come vorrei dissolvermi nel rassicurante silenzio della notte,
svanire nel nulla,
come pura essenza immateriale,
divenire vento per farmi tempesta e poi uragano,
uscire dalle catene del tempo e dello spazio,
fuggire a questo acuto attimo di nostalgia.
Nulla fra me e te.
Nessun ostacolo,
nessun cattivo pensiero,
nulla!
Ora sono vento!
Lo stesso vento che ti accarezza le labbra,
mentre il tuo sguardo si perde oltre il sottile profilo del mare.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • giuliana marinetti il 12/07/2009 13:29
    carissimo poeta, mi piace... mentre il tuo sguardo si perde,
    oltre il sottile profilo del mare. Bellissime parole.
    un saluto giuliana

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0