PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Briciole

Indaffarata occupo il giorno
trascorro gli ultimi istanti di una stagione
di scoglio e di mare
di nuovo antico e di vecchi ricordi

I due respiri della mia striscia continua
esplorano il mondo che mi vide crescere
quelli dell'origine del mio viaggio
osservano soltanto cercando di comprendere

La pace dell'arte di mio padre
che fu vulcano e tormento e rinuncia
mi solleva dalle polveri e dal mediocre
il sorriso infante di mia madre
mi conferma l'esistenza degli angeli
-il mio nido è nei loro cuori-

Nell'esercizio di una funzione conflittuale
tra gomiti senza camicie e lunghe file d'armenti cittadini
farò del mio meglio per tornare
la notte attende
una partenza tra le tante
lascio la sabbia per il pane

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/07/2013 07:17
    particolare scrittura, l'ho trovata triste e piena di ricordi che ti hanno fatto "crescere", molto bella

2 commenti:

  • augusto villa il 21/07/2013 18:34
    la cosa bella... e` che il tuo cuore riesce a custodirla... quella sabbia... tanto che quando mangerai pane... riuscirai a sentire qualche suo granello fra i denti... Crick.. crick...
    Una bella poesia, limpida e sincera... Ben scritta.
    ===
  • loretta margherita citarei il 19/07/2013 16:40
    molto apprezzata, nella tristezza dei ricordi, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0