PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Epifanie

Le eclissi del Tempo
su anelli di luce superba
delineano il varco
di fulgide estasi d'ali

Sono gli angeli del Ritorno,
dicotomie annunziano materiche-
profeti estemporanei dal volo assai radente

Li si avvista in certe sere amiche
che nel lampo subitaneo d'un notturno girasole
s'accendono d'Eterno

Oscene tremule lor piume
paiono suggerire il brivido, l'incostanza
la liceità consequenziale del morirsi

Si schiantano in lontananza
gli ossequi al tu, al sé, al noi
Beffa inusitata del credere i confini,
le frangiture, le increspature di apparente immobilismo

Siamo o non siamo tra vincoli pensati i sussulti del divino Verbo?
Vaghiamo ora, allora, tra i tornanti del dimesso Olimpo
ginestra nel selciato forse narra di orme molto diverse

Arde alfine fiaccola inusitata
ceneri danzano conflagrando
nel rantolo silente
di umane scarne menti
Sorge l'alba.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0