accedi   |   crea nuovo account

A bruce lee

Ancor prima di scorgermi vagito
divina e indomabile Cina
ti adorai e coltivai
forza intangibile di leone
possedevi per me e in me,
fierezza sublime del cammino
dell'uomo di missione intriso
del conquistarsi per conquistare;
tenue e ancestrale mi baciò
il sorriso dei tuoi vicoli tremanti
germogli or feroci or carezzevoli
fuor questi miei movimenti
eternamente diversi
eppur eternamente uguali
che nome ebbero d'arti marziali.
Mai saprò
se essenza fu del mio combattere
fendere l'aria
o fermare la storia,
mosse laceranti ricamate dalla voce
di sottrarsi al risucchio
d'un precoce, vigliacco
appuntamento con il mio annientamento.
Arde laggiù
tra le labbra tinta fuoco e rabbia
di Pechino e Shangai
l'urlo estasiato del primitivo furore.
Trentatrè età mi furono alleate
scudisciate velenose
sulla mia pelle vergine
o scrigni di endemica saggezza orientale.
Il respiro mi tolse il saluto
alfiere di un invisibile presto
che spezzò la debole daga del tardi.
Fui e solo volli essere
Bruce, poeta dell'idillio di granito
tra coraggio e quella vita,
che mi svanii traditrice tra le mani,
come esile punta di matita.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 20/07/2013 17:19
    bellissima dedica alla memoria di un grande
  • cristiano comelli il 20/07/2013 14:09
    Oggi ricorre. se non erro, il quarantesimo della morte di questo mito cinematografico e non solo. La Cina lo omaggia, gli Stati Uniti pure, un po' ogni latitudine. Di Bruce Lee resta la lezione di coraggio e la determinazione nel cercare la saggezza attraverso il potere straordinariamente foriero di equilibri delle arti marziali.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0