PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La caduta di una vta

L'avvenire..
Il passato il domani,
non sono solo tre parole
dell'oggi..

La lettura di un tempo non ha mai
cambiato l'ordine di un'alba,
nascosti libri soffocati da pagine
di detti e da temi eterni,
ancora là vivono su monti e tramonti.

Fuggenti pensieri evasi da cornici e
tele, tradiscono ora ore e presenti.
Chiuso e curioso col viso segnato da
paure, il futuro attende l'essere dei versi.

L'avvenire che ben venga straparlava
l'anziano malmesso dietro ad un angolo,
bagnato da una pioggia di sorrisi piacenti,
via lui scivolava ridendo come un bimbo.

Ad un niente e ad un passo, la viva entrata
di un parco mette in luce la figura di un
cartello che dice che..
-Benvenuti nel mio castello.
Il chiaro di un nuovo giorno osserva
un cieco uomo con un bastone,
poco più in alto su un balcone,
la caduta di una vita ferma il passo
del suo cane.

Telegiornali parlano di tempo cattivo buono,
giornali messi qua là, danno vita a tavoli e bar,
messe già da prima mattina svelano passi deboli e forti,
l'avvenire è già scritto su tutti i fogli di carta,
e ad un nulla e ad un passo..
Lui là ride..
.. Ride come un pazzo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 01/08/2013 00:11
    Una poesia bellissima. Per il sentimento che esprime, le figure metaforiche e non che usi, e il fatto che "tutto è già scritto". Comunque rimane uno scarto, il presente, che anche se condizionato costantemente, possiamo, i pochi fortunati, come atto creativo, che ci mantiene in vita, gioiosi.
  • Anonimo il 21/07/2013 17:47
    L'a venire va verso il finire e tanto per cambiare, senza nulla cambiare, l'a venire non ce l'avremo davanti, ma sempre più dietro. E allora? non so che ora è, ma è sempre l'ora dei pavesini. Allora facciamoci sta colazione con caffè e biscottini e viviamo oggi per oggi e rimettiamo tutti gli orol oggi.
    Bravissimo Denny!
  • Rocco Michele LETTINI il 21/07/2013 10:25
    LEGGERE... MEDITARE... CONDIVIDERE... UN VERSEGGIO TOCCANTE NELLA SUA VERITA'... RIFLESSIVO NE LA SUA CHIAREZZA... IL MIO ELOGIO DENNY
  • Vincenzo Capitanucci il 21/07/2013 08:25
    Benvenuto nel mio castello... disse il pulcino all'albume di un uovo... mentre osservava un cieco... attraversare il buio di una strada...
    Bellissima Denny... cadde la ì e la vita divenne una monaca monca di tre soli tempi e parole... vta
    il nulla è a un passo... e Lui ride come un pazzo... perché sa qualcosa... che nessuno di noi sa..
  • Antonio Garganese il 21/07/2013 06:51
    Poesia davvero bella, di una complessa introspezione su domande che da sempre ci poniamo e che non hanno risposta anche se noi cerchiamo disperatamente una strada da seguire o qualcuno che sappia indicarcela. Hai ragione, Denny, qualcuno su, distaccato, ride come un pazzo... Ciao.

14 commenti:

  • Anonimo il 27/10/2013 09:43
    Denny, tu ti sei persa una <i>, io un <il>, sul finale del commento, prima di <destino>... e l'aggravante è che non c'entra l'età, ma la fretta con cui sempre scrivo, trascinata dai pensieri che incombono...
  • Anonimo il 27/10/2013 09:37
    Sarà perché credo profondamente nel valore di un pensiero che sia -non banalmente- <positivo>, ma il famoso destino non l'ho mai concepito come la mannaia che ti cade sul collo indipendentemente dalla tua volontà. Il destino è per me <l'occasione esterna> <da vivere in modo personale e fruttuoso>, sempre, qualunque esso sia. Uno stimolo possente, non -mai- una disgrazia e nemmeno una immeritata fortuna. Il destino può essere Dio, se sempre Tu vuoi essere la tua risposta, realizzata in stretta unione con la sua domanda. Efficacissima comunque la descrizione che tu fai destino come molti lo concepiscono. Purtroppo.
  • Anonimo il 08/10/2013 10:22
    Realmente molto bella, profonda e riflessiva. Sinceri complimenti!
  • sara zucchetti il 01/09/2013 17:15
    Bravo Denny il tuo stile originale è sempre acceso, questa poesia un po' rimata e riflessiva è molto bella
  • Dolce Sorriso il 27/08/2013 21:38
    grande Denny... affascinante poeta... bellissima poesia
  • ignazio de michele il 26/08/2013 17:15
    eeh, quella -i-... scherzo ovviamente. questa stesura è una cesellata riflessione Vitae di alto livello cogitativo. bravo
  • Don Pompeo Mongiello il 30/07/2013 12:00
    Un laudo sincero per questa tua eccezionale davvero!
  • Ugo Mastrogiovanni il 27/07/2013 15:03
    È sempre un piacere leggere Denny Red, ha una penna dal fascino insolito e particolare.
  • Maria Teresa il 24/07/2013 18:00
    Nonostante il ritmo incalzante dei versi, che quasi ti porta a leggere con leggerezza le strofe, amico denny, inviti sempre alla riflessione e profonda anche!
    Sono da meditare per scoprirne il senso vero e gustarne tutta la reale essenza.
    Ciao, grande denny
  • Anonimo il 22/07/2013 22:54
    Super bellissima e affascinante Denny, profonda, fa riflettere...
    Bellissima la finale.
    Super appalusi amico mio!
  • karen tognini il 21/07/2013 10:08
    Strepitosa Denny...
    Chiuso e curioso col viso segnato da
    paure, il futuro attende l'essere dei versi.
    ...
    Lui li' ride... e gia' !
  • augusta il 21/07/2013 09:38
    molto bella e da riflettere... anche se sono convinta che a nulla valgono tanto parlare pensare ecc... un grande beso...
  • Anonimo il 21/07/2013 08:13
    avvenimenti che accadono ogn giorno presente che racchiude sogni passati di ieri di oggi di u futuro che é già lontano... hai ragione denny ottime riflessioni... ci diamo tanto da fare e come tu dici ... forse qualcuno ride... bacio bella
  • denny red. il 21/07/2013 06:04
    Come sempre.. son bravo a scrivere e..
    e forse nel titolo come sempre.. Scusatemi ma..
    Mi son perso la i!!!! .. Vita!
    Sarà l'età!!! Perdonatemi!!! Grazie!!!
    Abbraccio...
    Denny.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0