PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tardo meriggio

Il sole cala sui tetti stanchi,
illuminando lo stretto vico
ombroso durante il mattino.

Le candele si accendono nella casa triste,
mentre la luce scende nella terra bruna.

Un’ombra si allunga nella via abbagliata;
un portone si chiude
mentre una timida finestra si affaccia:
il giorno finisce ma la vita continua.

Esce dal mondo e dalle sue cose,
entra nell’amore del suo dolce nido
mentre nel cielo già scuro una luce lo salva

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Mirko Zullo il 16/11/2008 20:33
    L'immagine conclusiva è davvero bella... Solo, a mio umile parere, troppo "ricca" di aggettivi... Mirko.
  • 8y il 07/05/2008 14:31
    non voglio ripetermi ma ma è veramente bella...
  • max22 - il 19/02/2008 19:53
    si, bisogno di qualcosa che risvegli la mia voglia di capire, intuire. ma ora no, non mi va, ho solo voglia di abbuffarmi do sberleffi e sangue amaro. Amen!
  • Anonimo il 16/02/2008 18:16
    Complimenti.
    Bello l'ultimo verso...
    Ciao
    Angelica
  • Dorian Gray il 08/10/2007 18:52
    Non posso che associarmi ai commenti precedenti. Veramente bella.
  • augusto villa il 11/09/2007 21:40
    Alla faccia!!!... questa è bella per davvero!
    Bravissimo!
  • IvaDiva il 30/08/2007 23:58
    Veramente bella! Sei molto bravo... leggerti è come ammirare un quadro che si anima! Bravissimo!!! Ivana
  • laura cuppone il 26/08/2007 23:06
    La luce.. l'ombra.. il ricordo.. la fantasia..
    entrare nel dolce nido uscendo dal proprio mondo,
    con la luce più luminosa di tutte..
    la salvezza.
    bella, piaciuta, bravo. ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0