accedi   |   crea nuovo account

Cinquantenni impenitenti

Si lasciano andare,
senza tema di zavorra,
con l'entusiasmo indomito
dell'antico guerriero a cui
non tolsero l'arma,
perché la credettero scarica.

È l'ascia dissepolta
che rimpolpa le rughe,
che tante amare lacrime
camuffarono per riso!

È lo sguardo beffardo
reso allo specchio,
che si è tinto di rosa,
per sfumare i contorni.

 

l'autore silvia leuzzi ha riportato queste note sull'opera

Dedicata alle mie amiche e coetanee


1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/07/2013 09:25
    ottima dedica... simpatica e lirica allo stesso tempo!

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 25/07/2013 23:29
    Grazie Sabrina del tuo apprezzamento
  • Anonimo il 25/07/2013 18:45
    secondo me nè critica nè esaltazione ma una raffinata "esasperazione"... Brava...
  • silvia leuzzi il 24/07/2013 09:23
    Grazie ragazzi
  • Anonimo il 24/07/2013 08:42
    A parte i versi ricercati, è effettivamente quello che molte persone di quell'età trasmettono, con le loro esperienze ed i loro atteggiamenti. Complimenti.
  • luigi deluca il 24/07/2013 04:38
    non capisco bene se è una "critica" o una "esaltazione"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0