accedi   |   crea nuovo account

Giorno d'estate

Giorno triste e malinconico
di cose che accadono e che accadranno
di verità vissute anche se non volute.

Campi mietuti donano il loro profitto
braccia e gambe stanche
sostengono l'instabile.

Urla soffocate rieccheggiano nell'aia
il gatto assai scaltro
si gusta la sua preda.

Tormentati mulinelli di vocaboli
si affollono incuranti
di ciò che la mano scriverà.

Pare la fine quando è solo l'inizio
abbasso lo sguardo
quel giorno allontano.

 

4
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 25/07/2013 01:01
    Bisognerebbe essere gatti nella vita... ma purtroppo c'è un cane in noi.. e ci porta molto sofferenza..

    Molto bella Stella...
  • Anonimo il 24/07/2013 18:18
    Sono versi molto suggestivi e profondi. La malinconia dell'estate e della sua aria calda e stancante. Complimenti.
  • Auro Lezzi il 24/07/2013 16:04
    Ecco.. Il gatto è sempre o meglio... Ciau Stellì...
  • Rocco Michele LETTINI il 24/07/2013 15:15
    L'ESTATE CON LE SUE MALINCONIE IN UN DECANTO MIRABILMENTE LASCIATO... CORAGGIO STELLA...
  • Antonio Garganese il 24/07/2013 13:32
    Uno sguardo malinconico che però sa guardare anche il bello di un campo di grano e degli animali che segnano il territorio. Anche gli uomini lo fanno con vuote parole per spiegare quel che essi stessi non sanno ma almeno sperano. Tra un inizio ed una fine c'è sempre e comunque un percorso. Val la pena percorrerlo. Bella e profonda poesia.

4 commenti:

  • Solo Commenti il 30/07/2013 17:39
    "Tormentati mulinelli di vocaboli
    si affollono incuranti
    di ciò che la mano scriverà"
    Questo è il senso che vorresti dare ai tuoi testi. Però i tuoi "mulinelli di vocaboli" non sono tormentati, anche se tu questo vorresti, perché questo potrebbe essere poesia. Ma non è, purtroppo. Questo... hic et nunc, ti manca: la rete del pescatore di parole. Tu catturi più salamoia che sardine, dal fondo di un barile che non odora di mare.
    SC
  • Gianni Spadavecchia il 25/07/2013 06:20
    Poesia un pochino triste. Scritta molto bene!
  • Anonimo il 24/07/2013 18:30
    Molto bella Stella, ma ci vedo un po' di malinconia nei tuoi versi...
  • Anonimo il 24/07/2013 17:00
    Giorni d'estate che capitano anche d'inverno. Ma non sempre dipende dal giorno o dalla stagione.
    Molto bella Stella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0