PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Caro ministro Cecile Kyenge

Sei diadema di baci
lontano eppur tanto vicino
Congo che di antiche lune
e silenziose saggezze rifulgi,
ti lasciai
ma nella pelle e nell'anima,
mai mi lasciasti e lascerai.
Brillava il mio sguardo quel giorno
studiare, crescere,
diventare donna
fiera e un po' missionaria;
eccomi, Italia,
questa donna è voglia di donarsi
di donarti,
nel mio petto battono preghiere,
addestrate a svergognare
della cultura e del vivere civile
tutte le più assurde,
umilianti frontiere.
Di esserti voce e impegno scelsi
caro popolo italiano,
avverti, ti prego,
il bagliore sopraffino
di questa diversità così identica,
che mi condusse e conduce
a tenderti sorridente la mano.
Tutti stelle siamo
stessa sorgente, stesso colore
sulla terra etnia non v'è
nè vi sarà
che non senta le carezze dell'amore.
Uomini e donne
procediamo in comune
talora angusto
ma fiero e consapevole cammino.
Scintilla desiderio d'impegno,
incessante e vero,
nell'orgoglio di ricoprire un ministero,
coraggio allor, Italia
che scelsi come mio destino
dolce come il tepore
d'un vecchio camino.

 

0
6 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/07/2013 22:40
    Cristiano, quei ghirigori di Auro sono tante W. Io interpreto <VIVA> ! E mi associo.
  • Auro Lezzi il 25/07/2013 16:45
    wwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwWWW.
  • Anonimo il 25/07/2013 16:15
    Dopo miserevoli esternazioni gratuite leggo un testo che esprime lodi e apprezzamenti a chi, oltre che provenire dal cuore dell'Africa,è ministro della Repubblica italiana. Ai fini di quella tanto decantata integrazione razziale, apprezzo il gesto di Cristiano che esulta nel suo canto patriottico.

6 commenti:

  • cristiano comelli il 26/07/2013 18:18
    Se permetti, Auro, prendendo atto della tua precisazione e ringraziandoti, uno che si vede quella successione di ghirigori ha il diritto di domandarsi cosa significhino. Vera, che sicuramente ti conosce assai di più, lo ha potuto intuire, io ovviamente no; lasciando da parte i varii "vezzeggiativi" di cui mi hai gentilmente gratificato, credo fosse lecito da parte mia domandarti, senza alcun intento polemico, a cosa rimandassero quei significati. Adesso che lo so e che ho letto la tua spiegazione li apprezzo e te ne sono grato. Ma prima come potevo intuire tutto questo? Forse difetto di mancanza di sufficiente profondità, ne convengo, ma non ci ero arrivato. Ciao.
  • Auro Lezzi il 26/07/2013 08:41
    Aaaahhhhh... Mio caro furiosetto ed un po' istericuccio amico, se c'è una cosa che personalmente detesto è l'uso in PR del "Lei" e del "Voi"... Per il resto nulla di particolare ho da dire relativamente alla spiegazione che ti ho dato relativamente alla tua errata interpretazione del contenuto della mia "Noi".. Non ci vedo assolutamente nulla di offensivo da parte di entrambi... Relativamente al "ghirigoro" così mal da te interpretrato, la spiegazione l'ha gia data Vera... Stavo per spegnere il pc, quando ho letto la tua poesia che mi ha veramente entusiasmato per forma e contenuto, e non ho trovato di meglio che inviare una serie di W (Viva) per esprimere il mio pieno gradimento. Voglio aggiungere che ho sempre attivamente lottato contro il razzismo fin dalla nascita... Io nato a Milano da un Modenese ed una Triestina, che adora Napoli e Bari... Io che ho uno zio ed una zia(purtroppo deceduta) di colore di nascita Eritrei ed un fratello che adoro di pura etnia india amazzonica... Io che amo tutti i membri della mia variegata ed allargatissima famiglia. Se fosse per me la nostra cara ministra Kyenge sarebbe il prossimo presidente della Repubblica Italiana... Un po' di calma e riflessione mio caro bufaletto prima di partire a testa bassa... Per il resto lasciami sinceramente applaudire il tuo talento e la profondità di ciò che scrivi, promettendoti di farlo in MANIERE CHE TU NON POSSA PIù FRAINTENDERE.. CIAU, CIAU.
  • Ellebi il 26/07/2013 00:56
    Anche questa tua apprezzata, ed è giusta la solidarietà dopo gli insulti razzisti. Ma dato che di recente hai parlato di giornali, mi è venuto in mente che l'autorevole Corriere della sera (primo quotidiano d'Italia) ha dedicato alla incresciosa ma pur delimitata vicenda, in un giorno, più di tre facciate di articoli (nessun altro quotidiano nazionale gli ha dedicato tanto spazio) Ma a chi voleva far pubblicità l'autorevole giornale? Saluti
  • cristiano comelli il 25/07/2013 22:44
    Va bene, allora ritratto quanto ho detto. Diciamo che ho sentito di fare questa proposta come atto dovuto per i troppi bersagliamenti beceri e non meritati di cui la Kyenge, donna di cultura e di elevata profondità morale e intellettuale, è stata fatta oggetto. Sposo in pieno quanto ha detto Enrico Mentana quando la ospitò l'altra sera al Tg7; "lei ha un eloquio che molti dei suoi avversari si sognano". Al signor Auro rivolgo le scuse per avere frainteso. E la mia stima. Cordialità.
  • cristiano comelli il 25/07/2013 18:22
    E che significano quei ghirigori, le dispiace esprimere esplicitamente quanto pensa? O la devo prendere come una provocazione che come tale respingo al mittente?
  • cristiano comelli il 25/07/2013 16:19
    Grazie, dico chiaramente che le parole piovute addosso come pietre a questo ministro intelligente e sensibile hanno disonorato il nostro paese. Certo, questo non significa che si faranno sconti. Come ogni ministro, la Kyenge dovrà essere valutata SOLO per i suoi provvedimenti. Il resto è solo manifestazione di ignoranza (mi riferisco a chi ha insultato con espressioni ignobili la Kyenge) di chi vorrebbe... ma non può. Cordialità e grazie per il commento e l'attenzione.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0