PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tentata autoanalisi di un sacerdote

Ode di impalpabile freschezza
della mia anima rosa talvolta
da lacerante,
pungente indolenza,
fosti ristoro e basaltico naviglio.
Ribollono le mie notti
di parole ipocrite
della maledizione specchio
di averti onorato, Dio
senza onorarti davvero.
Nella mia rilucente tonaca
rinchiuso giaccio
di fasci di preghiere ricolmo
tra annaspanti labbra deboli.
Soldato tuo volli essere
per svergognare la povertà
ma seppi mai essere io stesso
povertà che adorava l'umiltà?
Fedele fui,
sconvolto ascoltatore d'ogni male,
che rantolava e rantola
di perdono supplice
da voci che frusciano dal confessionale.
Elargire seppi
succo ristorante di perdono
ma seppi io stesso perdonare
il mio uman fallire?
La tua luce inventa
o Signore,
sul mio sguardo di prete tremante
che or si svela or si cela
dietro il fumo aspro e complice
d'una timida candela.
Tuo servo davvero sarò
e sempiterno
se mi saprò legger anche peccatore.
Viaggiano le mie orazioni
su una tenue carrozza di fiato.
Mai potrai perdonarmi
se uman sostegno non seppi essere
per un ragazzo solo e abbandonato?
Mai potrai aver pietà
se supporto non fui
ai sogni argentati di rinascita
di un povero immigrato?
Dio,
d'intangibile purezza volto e nome
mai chiederti oserò
di ritrovarmi santità
in questa malferma vita
che qualcuno vuole eterna guerra,
un solo grido proclamo,
essenziale e di lealtà,
"sii la mia voce per chi voce non ha
e sia fatta, ora e sempre
la tua volontà".

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • cristiano comelli il 26/07/2013 14:59
    Grazie a Ellebi anche per l'acutezza delle osservazioni fatte.
  • Ellebi il 26/07/2013 00:26
    Apprezzata veramente, e felice di commentare questa tua ultima poesia. Non credo sia mai stato facile fare il prete, ora lo è anche di più. Il tempo storico che stiamo vivendo in Occidente è ogni giorno di più, sempre più difficile per il cristianesimo, i preti cattolici, sempre più rari, compiono tra gravi difficoltà la loro missione, la secolarizzazione oltre a decimarli li ha consegnati alla modernità, diversi, smarriti, incerti sulla loro missione. Quelli che non abbracciano la modernità e le sue mode e cliché, sono derisi, accusati di essere retrogradi, messi culturalmente in disparte. Francesco è andato in Brasile per fare il pieno di entusiasmo, ha detto, ha capito che nella vecchia Europa tira un'altra aria. Complimenti e un saluto.

    , sono derisi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0