PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mano furtiva de rumore

Il silenzio della notte
è
una barca vela sospinta da un raggio di luna sul mare dei sogni

Tu ne sei il capitano e l'onda è il fluire del Tuo dolce timone

all'improvviso il rumore di una moto di grossa cilindrata spinta al massimo dei suoi giri
rompe l'incanto

rilegandoti fra quattro mura e l'asfalto

crea un ammutinamento di pensieri a cui i sensi vorrebbero sfuggire ma non possono più

sei sveglio

sfiorate
da questa mano vibrante alcune auto troppo sensibili gridano al furto delle loro anime per troppe tare

poi un susseguirsi di treni merci
fino all'alba

trasportanti occhi privi di sonno in un mondo sprovvisto di parchi

e di parcheggi

in cui non sia vietato

gratuitamente sognare

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

In costa azzurra fra Mentone e Marsiglia.. fra il mento ed il mare delle ciglia... di notte non transitano treni... per proteggere i sogni di Brigitte Bardot... rispetto per i cittadini...
del rumore


5
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 26/07/2013 11:22
    I rumori della civiltà servono a compensare i momenti di pausa del vociare quotidiano e per non farci pensare. Del resto, il rumore più assordante è quello del silenzio, ma è quello più pericoloso per l'uomo e allora meglio il frastuono.
  • Anonimo il 26/07/2013 07:56
    I rumori di oggi vanno entusiasticamente a braccetto col tipo di pubblicità di oggi: barbarie moderna, invasiva, incivile. E presume diffondere il progresso!
  • Rocco Michele LETTINI il 26/07/2013 07:01
    HAI VERSEGGIATO DILIGENTEMENTE IL PARADISO TERRENO MANCANTE... EH QUANTI SOGNAMO IL SILENZIO CHE SERENO SPANDE...

3 commenti:

  • Eugenia Toschi il 26/07/2013 09:42
    I rumori sono il veleno della nostra epoca.
    La melodia di questa poesia è molto dolce, come sempre Bravo Vincenzo. ciao.
  • Anonimo il 26/07/2013 08:32
    Bellissime e vere le immagini delle prime strofe.
    I rumori fastidiosi, rompono l'incanto del silenzio.
    Ed è per questo che mi piace il silenzio e andare nei posti dove solo la natura parla...
  • karen tognini il 26/07/2013 08:28
    Bravissimo Capitano.. sempre stupende le tue poesie.. diverse... uniche... profonde... Il silenzio della notte
    è
    una barca vela sospinta da un raggio di luna sul mare dei sogni

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0