PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Si lava i piedi il villan

In questo afoso caldo caldo dell'estate
mentre patisce il corpo quasi sfatto
e pur la mente par perder i pensieri
a rinfrancar il primo e quella attenta
ritornano ricordi voci suoni care figure
di un tempo non perso non dimenticato
di estati afose calde di un tempo antico.
Si lava i piedi il villan sul limitar dell'uscio
suona la campana del vespro in lontananza
poi a sera quel gracidar nel fosso della rana
scende la notte danza la lucciola tra l'erba
Lilla e Dora le due cagnoline abbaiano alla luna
io fanciullo al sibilante ronzar delle zanzare sogno.

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 29/07/2013 14:44
    La giornata estiva vista attraverso la creatività sfrenata di un fanciullo, dove ogni aspetto della quotidianità può diventare un accadimento epico.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0