PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tentato affresco di Liguria

Lo iodio invade carezzevole,
in primitive eppur ancora scintillanti,
lingue di spiaggia vergine;
si mette a lucido,
come donna
a sempiterna seduzione educata,
la pelle mai desquamata
di questo mare pittore e musico,
sorridono riverenti e sovrani,
impronte di ciottoli freschi di millenni,
e di conchiglie
che bambine ridivengono leggiadre
nello sguardo di chi donò loro
il bacio solido e imperituro
dell'inafferrabile bellezza.
Ondeggiano tremanti
fantasmi di navi
che d'aroma di pesce e salsedine
rilucono e si pavoneggiano,
stende il consumato porto,
scie amorevoli di ormeggi
e preghiere a marinai
tornati o dispersi.
Eccovi, carrugi incantati
scrigni di soavi cammini
di cui voi soltanto
il senso custodite e decifrate,
le sue dita
di crescita ancor inconsapevole
ancora orfane ed ebbre
affida il delicato bimbo
all'abbraccio alleato del sole.
Quante poesie
d'amori troppo presto svaniti,
perchè troppo presto germogliati,
sempre si annideranno
tra fasci di sdraio, ombrelloni e cabine?
Tracce incancellabili
di bagni adolescenti e spensierati,
agli abissi dell'acqua,
sempre si doneranno
alfieri d'una storia forse anonima,
che rivestirsi sa di mille nomi.
Ti adoro, Liguria,
che d'ancestrale luce
fosti e sei diadema ed emblema
lo senti, Finale,
il mio cuore che la mano ti tende,
il tuo lungomare scintillante
omaggiando e venerando
come il primo giorno
in cui mi fosti
cartolina di sogni
che come superbe lanterne
la scia pur malferma della vita
indorano e nobilitano.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 30/07/2013 14:47
    La conosco tutta la Liguria, sono di Genova. Anche la riviera Ligure è molto bella...
    Grazie Cristiano per aver descritto così bene la mia terra.
  • cristiano comelli il 27/07/2013 16:15
    La mia adolescenza estiva si è svolta a Finale Ligure dove tuttora mi reco spesso per ristorarmi nello spirito indipendentemente dalla stagione. Ho voluto dichiarare il mio amore per la Liguria che, per questa lunga frequentazione che di essa ho (non solo Finale, ma anche in passato la riviera di Levante), è divenuta la mia seconda terra. E un elogio al suo mare che mi mantiene bambino quando ho la tentazione di scoprirmi arrogantemente adulto. Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0